Steve Vai

Steve Vai è senza dubbio il chitarrista più “stratosferico” degli ultimi 15 anni. La generazione di chitarristi che è stata a contatto con Steve Vai ha dovuto fare i conti con il suo genio, estro, inventiva ed originalità.
Un virtuoso sopra le righe, un vero e proprio funambolo della 6 corde, senza limiti. Dalla chitarra di Steve Vai abbiamo sentito uscire di tutto, la leva della sua Ibanez ha raggiunto estensioni fisiche estreme, che ovviamente hanno generato sonorità inedite ed originali.
Molto originale anche sul piano compositivo, in cui spesso aleggia l’influenza del grande Frank Zappa con cui Steve Vai ha collaborato agli inizi della sua carriera.
Non mi stancherò mai di acoltare l’intero “Passion and Warfare” ed “Alien Love secrets”, dove troviamo alcune “perle” musicali: For the Love of God, Sisters, Tender Surrender e molte altre..

VAI’s TONE (inserita il 04/11/2008, da Redazione)

Ibanez JEM-7V 7-String Electric Guitar Ibanez JEM6V Electric Guitar Ibanez RG570 Electric Guitar
  Carvin Legacy 100Watt Head Carvin Legacy Slant Cabinet / 4×12 Carvin Legacy Straight Cabinet / 4×12
  Boss DS-1 Distortion Boss FV-50H Stereo Volume Pedal Digitech WH-1 Whammy Original Morley Bad Horsie Wah
  Eventide H3000/3500 Harmonizer Roland SDE-3000 Digital Delay TC Electronic Fireworx Multi-FX TC Electronic G-Force Multi-FX
   

admin

224 Comments

  1. Steve, cosa dire su di lui, un genio, un virtuoso, ma allo stesso tempo un grande poeta,secondo me il chitarista che meglio a saputo unire velocità e tecniche sbalorditive con vera e propria poesia chitarristica, le sue melodie sono fantastiche, canzoni come Tender surrender, For the love of god,oppure Windows to the soul, non necessitano di parole per sciuscitare forti emozioni.Un grande che ha saputo farsi strada con impegno, amore e talento! ascoltatelo.”un grande ma mai un poeta!!!(un grande anche del computer, i suoi pezzi sono molto puliti,o ripuliti che dir si voglia)

  2. Non saprei (da chitarrista) se definire Steve Vai il più grande chitarrista della storia o il più grande MUSICISTA della storia…. Nessuno mai ne prima ne dopo ha prodotto cose talmente geniali come le sue… ritengo che lui sia l’ultimo Messia della Musica, e prima di riuscire a sentire della musica veramente innovativa, bisognerà aspettare uno MIGLIORE di lui, il che è impossibile, almeno per questo secolo credo…

  3. secondo me Steve a confronto di Santana ed Eric Clapton e la notte con il giorno certamente santana ed eric sono il giorno

  4. non sopporto chi si sofferma ad ammirare VAI solo per la sua inarrivabile tecnica, steve vai è molto di piu…non sopporto neanche chi, da idiota e soprattutto da ignorante, mi viene a dire: “malmsteen tecnicamente è piu bravo”, “jonh petrucci è molto piu veloce” ecc… dimostrano solo una grande superficialità nell’ ascoltare tutti i generi musicali! quelli che piu ti fanno incazzare sono proprio i chitarristi, che sono quelli che piu dovrebbero rendersi conto della grandiosità di VAI! guardate che tecnica non significa eseguire tutti sedicesimi a 200bpm, singnifica anche suonare una scala con la leva come fa vai, cosa che nessun altro chitarrista è mai riuscito a fare. E ricodate che prima della tecnica vengono creatività, capacità compositive,versatilità nei confronti dei vari stili musicali, presenza sul palco, conoscenza e padronanza del manico e dell’armonia!! è per questo che steve vai è il migliore, ha tante marce in più rispetto a tanti altri!!!!

  5. ero già suo fan da tempo ma mi è bastato vederlo dal vivo al g3 2004 per rendermi conto,da chitarrista della sua enorme tecnica e del suo cuore nel fare musica!vederlo li’ a 2 passi eseguire delle acrobazie al limite delle potenzialità umane non ha fatto altro che rendermi consapevole delle potenzialità di uno dei geni del nostro secolo!vai steve………

  6. MR VAI,icona della chitarra elettrica……………………………………..UNICO!

  7. Non riesco ad esprimere commento che comprenda tutta l’essenza di questo, guitar hero. Per me, è il migliore in assoluto. Me ne piaciono tanti, ma da chitarrista non riesco ad ispirarmi altro ke a lui….

  8. il più grande chitarrista con capacità espressive mostruose dotato di una tecnica strabiliante, e capace di tirar fuori dalla sua chitarra suoni che nassuno puo immaginare

  9. il più grande chitarrista con capacità espressive mostruose dotato di una tecnica strabiliante, e capace di tirar fuori dalla sua chitarra suoni che nassuno puo immaginare

  10. vai è fenomeno con la f a caratteri cubutali.la prima volta che l’ho visto l’ho scambiato per un frocio,per via delle sue camicie merlettate.

  11. Vai è il piu bravo,e un genio bla bla bla….Non metto in dubbio il talento di vai,però vi consiglio di ascoltare il grande Allan holdsworth(chitarrista jazz rock).Lui è un genio,e soprattutto ha una tecnica(visto che a voi interessa)nettamente superiore.Vi renderete conto che steve vai(che ripeto è indubbiamente talentuoso)in confronto è una barzelletta.Non ci credete?ascoltare per credere.

  12. Veramente un fenomeno! Ma oltre ad essere spaventosamente tecnico, quando suona ci mette l’anima, e si vede!!!! Se però facesse i bends e usasse la leva come Cristo comanda…

  13. Sostanzialmente la differenza che c’è tra lui e gli altri e uguale a quella fra Valentino Rossi e i suoi avversari!!…(legato all’ambiente cmq della chitarra rock…)

  14. Bè, credo ke Valentino Rossi sappia fare meglio i bend e sappia usare molto meglio la leva…dai skerzavo!

  15. Genio grandissimo della chitarra! Anche se tecnicamente nn è completissimo (ma siamo a livelli comunque stratosferici) ha un’ espressivita inarrivabile. Come talento lo considero inferiore solo a Jason Becker

  16. steve vai!!?? e che dire!!NON ce ne sono altri. Steve e la chitarra vivono in simbiosi. ECCEZIONALE!!!

  17. Ascoltate fire garden suite e sappiatemi dire se è o non è un compositore eccezionale…mi domando come qualcuno abbia potuto affermare che steve non sa usare la leva.a questo qualcuno consiglio l’ascolto di “the attitude song”.Un ultima cosa:basta col dire che chitarristi come Vai e Malmsteen sono pura velocità fine a se stessa mentre Clapton e Santana vengono osannati per le due note che fanno.non è vero che la tecnica limita l’espressività(ciò che conta di più nel l’essere musicista)anzi ne è un ottimo veicolo.e poi se vogliamo proprio fare confronti su pezzi lenti posso citare Icarus dream suite(rising force) e overture 1622(marching out)di Malmsteen mentre per quanto riguarda Mr.Vai la bellissima Hands on earth tratta da fire garden.spero che chi sostiene l’inespressività di tali virtuosi si renda conto delle cazzate che spara.

  18. Sex & Religion é davvero bestiale! La voce di Townsend, il Basso di Stevens, Bozzio e naturalmente Steve. Affascinante, avventuroso, diverso dagli altri album. È un lavoro unico nel suo genere che non ha confronti nel panorama musicale. Fantastica la strumentale Touching Tongues, dove suoni orientaleggianti si mescolano a un crescendo da lacrime…grazie Steve!!!

  19. sarò onesto benchè sia più un fan di petrucci,angelo,cooley,buckethead ecc..

  20. yngwie scusa ma come fai a dire che il sig. vai nn sappia usare la leva?????????????cioè forse nn ti piace cm la usa?ma nn si può dire che nn la sappia usare di sicuro la usa meglio di kiunque altro dai..

  21. vai è uno dei pochi ultravirtuosi che tollero,però i commenti del tipo:”si è bravo ma a 300 di metronomo sui sessantaquattresimi sbaglia qualche nota,invece il signor pinco pallino di turno non sbaglia una nota neanche con le corde scambiate di posto!”mi fanno pisciare dalle risate!

  22. steve vai è un’altro fenomeno tra tutti i chitarristi….lui e joe satriani sono quasi allo stesso livello,anche se ammiro un pò di più satriani….cmq bravo anche steve vai!!!!su questo non ci pioveva!!!!

  23. Smurky non avercene ma credo che attualmente steve vai è molto superiore a Joe Satriani…sotto tutti gli aspetti,con questo non voglio sminuire la bravura di Joe anzi!!ma credo che steve Vai non sia raggiungibile…(nota non lo amo alla follia)comunque io preferisco Petrucci sarà il genere!

  24. Il migliore in assoluto, ed ha anche superato il suo maestro Joe Satriani, grazie alle influenze del mitico Zappa. Il più completo di tutti l’ho visto a firenze l’anno scorso in prima fila e sono rimasto strabiliato!!!!

  25. ok smurky su qst sono pienamente d acordo infatti mi piacciono molt piu pezzi di satriani ke di vai.

  26. Chi apprezza Steve Vai per la velocità come purtroppo tanti mocciosi presenti a Firenze…non ha capito un cazzo!Vada a vedersi Michael Angelo o un qualsiasi diplomato al GIT o alla Lizard che sarà più contento.Steve Vai è feeling, originalità,classe,capacità di scaldarti il sangue ma non per la velocità.Se gli dici che è un velocista te la tira la Ibanez.

  27. cosa dire?…è un mostro! sweep a 50000 km/h….tapping straordinario….tecnica paradisiaca!inventa musica diabolica e angelica nello stesso tempo!E in più è maledettamente pazzo!MI HA SEDOTTO

  28. raga x certi versi roberto ha ragione nel senso ke lui è un artista ma in più ha la tecnica a parte la velocità ke tutti si sognano..

  29. e da tre giorni che asacolto il pezzo “juice” dall’album alien love secrets e non riesco a smettere! semplicemente mostruoso… (l’allievo ha reso orgoglioso l’illustre maestro joe…)

  30. che dire!senza parole!fantasia pazzesca!il migliore chitarrista rock del mondo!

  31. Mostruoso(tra i normali)ma con l’handicap dello strumento:stessa sorte per SATRIANI,GILBERT,PETRUCCI…

  32. Un mostro di tecnica dalle grandi capacita compositive ma eccessivamente freddo ,piatto.Cmq un grande.

  33. Caro Steve Vai sono un tuo ammiratore voglio solo dirti che impazzisco per i tuoi assoli veloci e precisi, per il tou tocco e per la tua chitarra in madre perla. Devi sapere che sono un chitarista anche io e che mi sto imparando un pò di assoli del tou genere sperando che ci riesca voglio dirti di continuare a suonare sui palchi e forse un giorno nel nostro paese. Saluti da me e da coloro che vogliono incontrarti.

  34. tecnicamente il migliore,mostruoso ma a volte la sua tecnica è un pò fine a se stessa!gli altri chitarristi(tranne il maestro Joe)al suo cospetto impallidiscono e tende a surclassarli a far capire ke è lui il migliore!i suoi concerti sono puro spettacolo

  35. un grande genio che ha portato nuove idee(chitarra 7 corde)e spunti musicali. ma come ha detto mauro “stessa sorte per SATRIANI,GILBERT,PETRUCCI… Perdono di feeling…..quello che loro vogliono dire con 100 note SLASH,ZACK O RANDY lo dicono con 10!!!”

  36. stesso discorso fatto per malmsteen!la velocita e la tecnica non è l’unica cosa nella musica!di certo un mosro dello strumento come Yngwie ma niente emozioni,niente vera musica,solo virtuosismo.

  37. davvero un grande chitarrista ma secondo me da quando ha intrapreso la carriera solista si è buttato troppo sulle tecniche senza plettro cercanli la sua vera ispirazione e creatività

  38. Quando si suol dire l’allievo supera il maestro..peccato che sia solo per quanto concerne la tecnica e la velocità d’esecuzione..e peccato anche che Satriani in quanto a fantasia sia assolutamente inarrivabile.Ma ciò non toglie a Vai l’essere uno dei mostri sacri dello strumento(merito anche di Frank? :-).”For the power of the god” è assolutamente da ascoltare.

  39. sn un grande ammiratore di steve vai,amo il suo modo unico di comporre e di far uso di una tecnica spaventosa senza annoiare,credo sia attualmente insieme a Morse il miglir chitarrista degli ultimi 15 anni,continua cosi steve,e a quel paese MALMSTEEN.

  40. Quando ascolto Steve Vai penso a Mozart.(Maestro dei Maestri, Genio dei Geni). Due Alieni che musicalmente hanno fatto,fanno quello che vogliono. Ho amato Steve in Frank Zappa, David Lee Roth e coi grandiosi e meravigliosi Whitesnake di David Coverdale, che nel Monsters of Rock 1990 a Bologna mi hanno fatto sognare. “Dio mio ad avere un Dvd di quel concerto unico”!!! Steve e’ esattamente il sogno di come vorrei suonare io la chitarra.(…e non sono il solo, penso , o no?).Sono daccordo con tutti quei musicisti che hanno scritto :”Vai e’ un poeta, un alieno, ultimo creativo genio”. Mentre trovo molto riduttivo e stupido (chiedo scusa), il paragone che da anni si fa tra Satriani e Vai. Basta! Non e’ calcio, politica. Naturalmente tutti e due grandiosi. (Ho tutti i dischi di entrambi). Diciamo che Satriani e’ piu’ dritto, perche’ fa delle melodie e dei soli difficili e belli ma piu’ facili da captare. Vai e’ piu’ difficile e’ piu’ da scavare e spesso non lo si capta, non si capisce cosa sta facendo, tecnicamente e creativamente parlando… in quello che fa e lo si giudica dicendo: e’ troppo veloce, virtuoso e ta, ta , ta… e comunque e’ l’autore della Bibbia della chitarra moderna, che non deve mancare nelle case della gente “Passion and Warfire”, AMEN!Andate in pace figlioli…ah, ah!!!

  41. forse sono io l’ignorante della situazione….ma che canzone è “for the power of the god”???

  42. Concordo pienamente sui paragoni tra vai e satriani..e aggiungo che fin quando ci sarà qualche mente da studiare che ancora dirà “l’ìallievo supera il maestro”..allora i paragoni si continueranno sempre a fare rimarcando quanto satriani stracci rigorosamente vai nella sua melodiosità..alla fine li si vede il vero chitarrista e non se se ha collaborato con zappa coverdale o con questo e quell’altro…Secondo me valutare un artista su tali vertici è veramente molto comodo nonchè semplicistico..e basterebbe analizzare la piscologia di ogni chitarrismo…….

  43. Allora… STEVE VAI e il più grande chitarrista di tutti i tempi senza ombra di dubbio…!!!! E semplicemente MOSTRUOSO… il mio preferito ovviamente…!!! le più belle For the Love Of God, Lotus Feet, Building The Church, The Audience Is Listening, I’m The Hell Outta Here, Juice, Erotic Nightmares… ecc ecc ecc

  44. Steve Vai è per me il miglior chitarrista esistente.Molto veloce ma anche estremamente melodioso con canzoni come “tender surrender”e “for the love of god” che sono dei veri capolavori.Penso che suonare al suo livello sia il sogno di molti.

  45. TECNICAMETO UN’ALIENO, non è nato su questo pianeta…vero genio, completo su tutti gli aspetti, in qualsiasi tecnica è insuperabile, l’unico difetto e che lo posso ascoltare massimo 30 min, poi poso le cuffie cambio cd…. ascolto il sig.Page con Since i’ve been loving you

  46. ..Io non mi farò mai capace sul perchè si guarda al signor Vai come “un alieno dalla tecnica insuperabile”..ma qui non stiamo parlando mica del robot salsicciotto svedese?!!?(…..:-D…)..

  47. inchiniamoci difronte al dio incontrastato della 6 corde.MALMSTEEN A CONFRONTO SEMBRA UN POVERO CONTADINO

  48. Io non riesco a definirlo come “musicista”(non chitarrista..ricordiamoci che Giotto era prima di tutto un abile pensatore..poi magari un eccellente disegnatore.. ;-).

  49. il riferimento a giotto, scrivendo di steve vai, mi offre lo spunto per dire la mia sulle “dispute” fra chitarristi. per me la musica è arte e sarebbe impensabile (e stupido) cercare di stabilire chi fosse più grande fra michelangelo o raffaello, sebbene a livello di gusti personali si può preferire l’uno all’altro.altro equivoco è il soffermarsi sulla tecnica che non è per nulla fondamentale per giudicare un’opera d’arte. e poi la tecnica chitarristica è così piena di sfaccettature per cui come si può dire che tommy emmanuel è meglio tecnicamente di michael hedges, si tratta di due modi di interpretare lo strumento in maniera personale e diversa tra loro. credo che i musicisti a quei livelli suonino semplicemente la musica che “sentono”.se poi per qualcuno il fatto che qualcuno suoni ad otto dita o più veloce della luce sia sinonimo di valore artistico assoluto, allora il non ci intendiamo sul significato della parola arte. brunelleschi guardando le opere di donatello commentò dicendo che lui non era bravo a scolpire i santi ma i contadini… per cui interpreto in questo modo le parole di chi ha definito malmsteen un contadino. chi pensa allo svedese in termini di tecnica o velocità non solo non ha ascoltato bene la sua musica ma non ha neanche mai letto le sue dichiarazioni a riguardo (e cioè che a lui tecnica e velocità non interessano minimamente).per definire il valore artistico di yngwie rileggerei i commenti che hanno fatto su di lui : steve vai, satriani, paul gilbert, vinnie moore, patrick rondat, george bellas, joe stump, ritchie blackmore, uli jon roth, zakk wild…per non parlare di tutti quei chitarristi che si ispirano chiaramente al suo stile.per concludere, sono d’accordo nel definire la grandezza artistica di un musicista e compositore come steve vai, ma questo non sminuisce malmsteen che ha un approccio e uno stile musicale completamente diverso dal suo.

  50. blackmore nn si ispira a malmsteen e malmsteen che ha preso la musica di blackmore per portarla ad un eccesso inutile e palloso.e cmnq steve vai rimane uno dei migliori interpreti della chitarra elettricca che piaccia o no.

  51. Giusta osservazione fatta da Giotto,che condivido appieno.Solo,tra le tante interviste lette fatte a Malmsteen,mi dev’esser sfuggita quella in cui egli affermerebbe di dissuadersi da tecnica e velocità..mi suona un pò strano dal momento che praticamente in un 80% del suo repertorio,egli si sia ostinato imperterritatamente ad aggiungere scale e controscale..beh ma mi fido di Giotto comunque..solo uhm..sarebbe come se Van Halen ammettesse di non interessarsi del tapping. Anche guardando il g3 di Denver noto come lo svedese non faccia altro che fare le stesse identiche cose per TUTTA la durata del concerto(gli faccio passare solo la parte acustica che devo dire la verità mi è piaciuta molto,nonostante si noti che,a forza di scale e controscale,in vari punti perda addirittura il senso di ciò che sta facendo,fermandosi).

  52. per farla breve se vuoi suonare una “for the love of the god” devi rifare esattamente le stesse note fatte da Vai e nella stessa identica maniera..altrimenti non stai semplicemente rifacendo una brutta cover di quella canzone..ma stai soltanto eseguendo bene tutta un?altra canzone diversa!!!! <-----VintageSmile81 solo per aver scritto una frase del genere diventi il mio mito assoluto!!! hai descritto con 5-6 parolette forse la più grande verità che si cela dietro il voler emulare uno dei migliori chitarristi!:-DDD

  53. con questo mio secondo commento voglio meglio precisare quanto espresso nel primo.ai tempi di trilogy (1985) malmsteen rilasciò un’intervista per chitarre in cui dichiarava di essere un chitarrista tecnicamente inconsistente tanto da non essere in grado di riprodurre fedelmente neppure i suoi assoli, per questo motivo li cambia sempre durante i suoi live set a seconda del feeling della serata ( un pò con lo spirito di hendrix e blackmore, i suoi idoli); per lui, precisava, la tecnica serve solo a controllare meglio il da farsi , ma fossilizzarsi sulla tecnica (ha ribadito anche altre volte)lo ritiene stupido. alla domanda se fosse o no il più veloce chitarrista, lui rispondeva che anche ascoltando vivian campbell (chitarrista di dio) si notava che facesse decisamente più note di lui e che lui non era assolutamente interessato a fare una gara di velocità (anche la scelta della tastiera scalloped non lo aiutava in questo senso). quell’intervista è interessante perchè in quell’occasione lui si ripromette di rendersi riconoscibile attraverso dei patterns da riproporre durante le sue improvvisazioni, cosa che lui ha effettivamente fatto nel corso degli anni, suscitando le critiche di tutti quelli che dicono che fa sempre le stesse cose…insomma, anche i questo caso, non è che yngwie non sappia usare scale diverse da quelle che abitualmente usa( in effetti nei vari bootleg e demo che ho ascoltato lui suona e ha suonato anche scale diverse da quelle) semplicemente sceglie di usare le armoniche e le diminuite perchè convinto (a torto o a ragione)che quelle siano le più efficaci e così risulta più riconoscibile. sfido chiunque a non riconoscere malmsteen sentendo un suo assolo, oppure si può analizzare il percorso artistico di chi come tony macalpine ha abbandonato quella “formula neoclassica” per tentare altre strade, secondo me molto meno efficaci nel suo caso. steve vai, invece, ha fatto della versatilià uno dei suoi punti di forza, per cui quando ascolto un suo nuovo album mi aspetto sempre suoni e soluzioni diverse. non è un caso che poi in sede live yngwie cambi sempre i suoi assoli mentre vai li riproponga fedelmente. a me personalmente piacciono entrambi e ci sono momenti in cui preferisco ascoltare il suono di steve vai altri in cui preferisco le sweepate di malmsteen. tutti e due hanno fatto bellissime cose e altre meno belle, malmsteen forse, per via del suo egocentrismo che lo porta a voler fare tutto da solo anche testi, mixaggio ecc. disperde in alcuni casi le sue energie migliori che si dovrebbero concentrare sulla chitarra, e il suo stile che offre meno spunti di variazioni lo rende più criticabile, ma se anche vivaldi si è ripetuto posso perdonarlo anche allo svedese. per paolo: non ho scritto che blackmore si ispira a malmsteen (so benissimo che è il contrario)ma che lo ha lodato in un’intervista dicendo che yngwie è uno dei migliori, e sarebbe sbagliato pensare che malmsteen ripeta sempre le stesse diteggiature,lui avrebbe assistito ad un concerto in cui allo svedese si rompevano 3 corde e lui continuava a suonare come se nulla fosse… per quanto riguarda il g3, sono convinto di aver visto concerti in cui malmsteen suonava molto meglio che in quella occasione, soprattutto il suono lo penalizzava in confronto a satriani e vai,però l’assolo di little wing è spettacolare proprio per il feeling che lui trasmette.

  54. Già,Yngwie da un punto di vista prettamente “improvvisante” (come si direbbe nel jazz..)forse è un pò “limitato” dato che s’è scelto un genere musicale che non permette tantissimo nell’improvvisazione 🙁

  55. IL GENIO ASSOLUTO! Come compositore innarivabile,l’innovatore per eccellenza come fu per i suoi tempi HENDRIX(Stratosferico)!POI se la meniamo con il “Cuore” e’forse per giustificare le mancanze altrui!”DIO CREO’L’UOMO A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA…QUANDO POI CREO’IL “CHITTARISTA PRINCIPE”…NACQUE STEVE SIRO VAI!

  56. Dunque…parlare di tecnica nel caso specifica sarebbe stupido nonchè inutile, padroneggia qualsiasi tipo di tecnica in modo assolutamente impeccabile, e in ogni cosa c’è sempre qualche cosa di suo…senza dubbio inimitabile….sono molti i video che girano su youtube di “For The Love Of God” o di “The Animal” tanto per fare un esempio…certo molti devono aver coraggio a mettersi su youtube, ma quei pochi che sono veramente bravi non hanno e non avranno mai il tocco di Steve, quindi a mio dire rifare una cover sarebbe QUASI un offesa…Uno non sa mai cosa dire su Steve per cui vi dico : ascoltatelo e se lo fate non criticate…vedere persone che criticano Steve Vai è improponibile, se proprio dovete criticarlo allora suonate un G3 insieme a lui…ROCK!

  57. Io amo molto gary moore che e un chitarrista fenomenale,ma penso che paragonato a steve vai chiunque perda valore.Qui stiamo parlando di un genio che nn sempre e capito,forse puo stancare la sua tecnica,ma nn si puo dire che nn ci sia melodia.Ascoltati BULDING THE CHURCH,o FOR THE LOVE OF GOD,o LIBERTY o altre ancora che nn sto ad elencare.Steve Vai per giudicarlo prima bisogna capirlo.E poi l’assolo in tapping di LITTLE WING e fenomenale ,veloce preciso,ma soprattutto melodico.STEVE NN ASCOLTARE CHI NN CAPISCE IL TUO GENIO

  58. Perdonatemi l’intromissione..ma vedimoa di non far confusione tra chitarristi:tra i nomi fatti,tolti malmsteen e satriani e van halen,gli altri mi spiace dirlo ma non hanno dato alcunchè al chitarrismo(con buona pace dell’anima di gallagher e con buona pace di quel grandissimo musicista qual è forse ancora becker).

  59. Il più grande di tutti i tempi! Nessun altro al suo livello! Quando sono andato al suo concerto e l’ho aspettato fuori dal palazzetto e sono riuscito a farci la foto insieme gli ho detto “YOU ARE GOD”! Non ce n’è per nessuno…si potrebbero scrivere milioni di curiosità su di lui…in sintesi…nessuno ha tutte le tecniche nel suo bagaglio come lui!

  60. Adoro Vai. riesce a fare incredibili virtuosismi con il sorriso e con una semplicità spaventosa. e poi riconosci Vai

  61. forse vivo troppo di fantasia!!….ma cosa verrebbe fuori se i signori: Vai,Satriani,Van Halen,Petrucci,EricJohnson,Malmsteen,Jimmy Page,Blackmore,May si chiudessero tutti insieme in studio per registrare un album??….

  62. Che dire…un altro grande eroe della 6 corde! Apprezzo molto la fantasia di Vai ed a dire il vero, rispetto ad altri chitarristi lo ritengo molto avanti. Satriani rimane il suo maestro e qui vale la regola dell’allievo che supera il maestro (di poco però eh eh! Satriani è Satriani). Io lo chiamo Mr. pulizia per la pulizia che ha nelle scale veloci e soprattutto nel tapping (il tapping di Steve Vai è qualcosa di strepitoso!). La cover Little Wing di Vai è molto bella di quella di Malmsteen, che casca sempre nei suoi fraseggi monotoni di neoclassicismo. L’unica pecca di Steve (potrei definirlo un pò personaggio per questo) è che si attamarra un pò nelle esibizioni, quella del ventilatore per i capelli mentre fa gli assoli è un pò na roba da film. E vabbé accenttiamolo anche così

  63. Vai e’ il mio chitarrista preferito, tecnica velocità e uno stile ineguagliabile…

  64. Dio..non c’è nessun altro “shredder” che ha saputo inventare uno stile cosi personale,eclettico,ricco emotivamente….veramente un genio..Da parte le critiche e i soliti confronti strampalati,lui è completo in tutto,e miei cari fedeli Malmsteeniani (di cui sono un Fan),mi spiace ricordarveo,ma a differenza del vostro amichetto panciuto,non c’è nessun altro chitarrista al mondo che ha mai saputo eguagliare lo stile di Steve…per questo è un genio,è unico.Poco da fare quando senti un suo disco,al massimo ti viene voglia di buttare la chitarra e non provare mai piu ha suonare per rispetto..

  65. Grandissimo chitarrista che talvolta sacrifica l’assolo per curare il resto del brano negli altri strumenti che lo accompagnano.Ciò che mi colpisce di più è la forte creatività e quindi la profondità che dà ai suoi brani.Io ascolto molto volentieri” sex and religion ” che dicono essere un flop.IO trovo l’album intrigante e diverso dal solito.Comunque al di là di quest’ultima affermazione Steve Vai pensa e quindi suona cose alle quali un chitarrista medio non arriva….ergo…..VAI è geniale ed unico.

  66. be non ce che dire é un bravo esibizionista, ha grande tecnica ma non sarà mai come i grandi chitarristi di una volta.

  67. Un grande chitarrista! completo e preparato, non c’é da dire niente su di lui ma quello che mi fa ridere è che è troppo personaggio! Le camice impellicciate ed il ventilatore x i capelli sul palco…. 🙂

  68. steve vai e l’unico dei grandi virtuosi ke da solista fa anke bella musica(si fa x dire confontata ai led zeppelin)..di tecnica e un mostro xo dovrebbe essere + completo (troppo plettro e 0 arpeggio)ciaoo

  69. Fra le tante un’altra freccia a suo favore con tanto di complimenti per “whispering a prayer” l’ho sentita suonata live al G3… My god se avessi io un controllo così completo dell’espressività della mia guitar suonerei al posto di parlare!!!

  70. Scusate, ma ho letto da altre parti che c’è un chitarrista più tecnico di VAI!!Ma perché già Vai non rappresenta l’ipertecnicismo?Secondo voi esistono chitarristi più tecnici di lui?Scusate la mia ignoranza, ma non sapevo esistesse una tecnica superiore a quella di Vai.Tutto ciò mi scuote il sistema nervoso.Pax vobiscum!

  71. è uno dei miei chittarristi preferiti..guardando alcuni concerti dei g3..secondo me è quello che ha la tecnica migliore dei tre..

  72. è completissimo, perchè fa rock strumentale ed eppure canta come un usignolo anziano e vissuto (è un complimento). fra le personalità musicali è nua di quelle che apprezzo di più.

  73. Per Andrea Deluxe: E come se ce ne sono!! Se parliamo di tecnica pura (che ha poco a che vedere con la musica): Rusty Cooley e Michael Angelo che portano la bandiera. Poi c’è Buckethead che è tecnicissimo, e più versatile di un coltello svizzero ( e anche lui non scherza in quanto a genialità). Senza tralasciare Jason Becker e Marty Friedman che non hanno bisogno di spiegazioni. Ce ne sono davvero tanti, solo che la differenza è che ce ne sono davvero pochi paragonabili a Steve Vai, perchè in questo alieno riesci a vedere proprio la genialità che c’è in lui, e non tanto per la sua ottima tecnica.Prova a leggere il suo libro sul suo sito (in Inglese)…sconvolgente. Bisogna essere matti da legare o geni assurdi per capire ciò che Steve esprime. Nonostante Steve ha tecnica da vendere, è considerato il più grande per la qualità delle note e non per la quantità.

  74. Uè ragà….vi voglio numerosi quest’estate nel suo Tour!mi raccomando non mancate,sarà un evento veramente speciale (sul sito lui stesso ha affermato di portarsi un violinista!).Suonerà anche brani inediti…quindi,imperdibile per tutti i suoi fan!

  75. Steve Vai è unico e solo nel suo genere! Io credo che i suoi migliori album siano stati:

  76. è UN GRANDE è A DIR POCO FANTASTICO(MA MENO D GILBERT)MA LUI è RIUSCITO A INVENTARSI UNO STILE PROPRIO SENZA COPIARE DA NESSUNO E HA TUTTA LA MIA AMMIRAZIONE

  77. Salve a tutti,volevo aprire un piccolo dibattito..diciamo che più che altro vorrei mettetere la pulce nell’orecchio a qualcuno..

  78. Inanzitutto bisogna vedere se l’intervista ke hai letto è quasi tutta vera. Strano perché Yngwie ha suonato con VAI. Boh.. cmq se è vero ke Malmsteen abbia detto così…cosa vuoi…lui è fatto così, solo le cose ke fa lui sono giuste! Prendere o lasciare..o lo ami o lo odi. questo è Yngwie. Io credo solo ke For The Love Of God sia una opera d’arte da parte di Steve. Per me Vai è fin troppo tecnico ed alcuni brani sono molto complessi, ma credo ke quella ballata sia la cosa + bella ke abbia scritto nella sua carriera e credo che sia frutto degli insegnamenti di Satriani. Il resto è tutto studio e tecnica…

  79. X LittleItalianVirtuoso:Per ascoltare quegli errori di cui parla sua santità yngwie,si dovrebbe ascoltare il pezzo in maniera del tutto “meccanica”.Cosa,personalmente,stata difficilissima per me,abituato,ormai,ad ascoltare quel pezzo con l’orecchio automaticamente proteso verso l’espressività!

  80. Lo adoro…soprattutto quando usa la scala di mio zio livio, un po’ meno con il ventilatore davanti alla faccia, ma mi piace quando fa il double petting allo string skipper(alternandolo). E’ inutile discutere, Malmsteen non riuscira’ mai a suonare il campanello di casa di Joe Satriani come solo Steve Vai sa fare e tutto questo perche’ non ha le valvole per farselo!

  81. l’intervista di yngwie malmsteen è davvero penosa,come si fa a criticare “For the love of god” e dire che Steve Vai o altri non sanno fare dei bending intonati;pensasse a come suona lui.

  82. Eh si,da “curiosone” non ho potuto esimermi dal provare anche solo per una volta(e ultima credo!!!)l’ebbrezza di accostarmi al punto di vista del nostro amato(?)svedese..

  83. L’avete visto nel film “crossroads – mississipi adventure”? Ve lo consiglio, è divertente.

  84. NON CREDETE A TUTTO CIO’ CHE LEGGETE NELLE INTERVISTE ,Yngwie e’ un grande e sa riconoscere il talento. E’ un estimatore di Holdsworth e di Metheney che di note out ne fanno parecchie e’ amico di Vai e Satriani, solo che…deve pure restare coerente con il suo personaggio e far discutere quelli come noi.Anche Slash si faceva sempre vedere mezzo rincoglionito con la bottiglia di Jack Daniels in mano ,ma non credo proprio sia un alcolizzato, anzi credo gli piaccia molto il latte a giudicare dalle tette che si ritrova sua moglie. Pace e Bene.

  85. the genius of the guitar,non mi soffermo sulla tecnica che ovviamente e mostruosa,dal vivo mi ha colpito il suo modo di usare l’effettistica,un vero mago.al contrario di satriani sugli album in studio secondo me ha sempre saputo rinnovarsi,ogni suo album e sempre un nuovo mondo musicale da esplorare,dovuto anche secondo me nella sua militanza nella band del grande frank zappa..genio

  86. un grandissimo!!!!!quando suona con un ventilatore sparato in faccia e specialmente dopo che si è fatto il trapianto di capelli!!!continua cosi calvo mancato!!!!

  87. s’è fatto il trapianto!!!!!???no nn ci voglio credere…mi casca un mito!

  88. premetto di essere un fervido sostenitore nonché amante dei guitar heroes e di ritenere quindi che ognuno dei chitarristi che citate sia degno di attenzione ed ammirazione…cmq a mio modo di vedere stevie padroneggia qualsiasi tecnica chitarristica in maniera sublime aggiungendo qualcosa di unico, ovvero la sua anima geniale ee espressiva e la sua inesauribile vena creativa!!!Come lui sl Jason Becker!

  89. è il mio chitarrista preferito,godo quando lo sento suonare,è una vibrazione fisica che mi fa roteare le palle degli occhi è orgasmatico

  90. il mio preferito. ha potenza, ma anche sentimento.velocità ma soprattutto un tocco vellutato.potrebbe suonare una sola nota, ma la saprebbe suonare in centomila modi sempre diversi e originali.steve è il poeta che usa la melodia al posto delle parole e la chitarra al posto della penna.io credo che ci sia molto da imparare da questo alieno caduto nel nostro pianeta. mi sorprende di continuo. poi se lo si vede dal vivo, suona perfetto e in più corre e salta come un pazzo.grande.lunga vita a steve!

  91. secondo me un altro chitarrista che può arrivare ai livelli di Steve Vai è Aldo Torsello, l’ho visto suonare e penso che possa fare bene fra qualche anno. Comunque grande Steve Vai

  92. STEVE VAI è BRAVO!!!!! MA MICHAEL ANGELO è 300 VOLTE PIù TECNICO!!!! PENSO PROPRIO CHE SIAMO D’ACCORDO TUTTI!!!!

  93. Semmai è il contrario….meglio dire che Batio è 300 volte più virtuoso di VAI…io la vedo così….comunque Vai è un genio….però ascoltate anche altro….anche Angus Young nella sua semplicità è fortemente emozionante!

  94. Batio è una sega di proporzioni immani,nn sa fa altro che anda a 300 di metronomo,Vai se lo fuma cn due note,senza anda troppo veloce,e poi se vuoi la velocita ma anke la passione e il cuore,allo sentiti Jason Becker,oppure,Herman Li dei dragonforce,Batio nn dovrebbe essere nemmeno accostato al nome di un genio cm stave vai,ancora nn capite che la musica e melodia passione cuore e altre componenti,che gente cm Malmsteen,Batio,Impellitteri,Al pitrelli nn avranno mai,punto e basta.Tutti possiamo anda veloci,bastano otto ore sulla chitarra a fa la stessa scala,il genio si vede in due semplici note,nn in diecimila,a treconto all’ora.Vai sei un grande!!!!!!!!!

  95. Basta co sto Batio,in quella sua testaccia brutta(pettinatura per giunta orrenda)non c’è neanche la metà di un neurone di Steve vAi..Voglio vedere se tra 50 anni ci si ricorderà di batio come di Steve vai..

  96. e basta con stà tecnica… steve vai è il più grande chitarrista degli ultimi tempi. non a caso l’ ha lanciato frank zappa…

  97. il grande s.vai e l’unico chitarrista che mi e’ rimasto nel cuore,ho’ iniziato a suonare sentendo lui nel 86 il disco + bello “Passion and Warfare”che dire lo stile e’ stile .ciao ciao vai 70

  98. in futuro ci saranno i nuovi malmsteen moore petrucci batio ecc….. ma nessuno e come vai con questo non funziona come il papa morto steve vai non se ne fa un altro

  99. MA IO DICO COME SI PUò PARAGONARE STEVE VAI A L’UNICO, INRAGGIUNGIBILE SUPER TECNICO MICHAEL ANGELO????? STEVE VAI NON è NEMMENO LA METà DI MICHAEL……..

  100. Bè SONO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO CON QUELLO CHE DICE MAX….NON CI POTRà MAI ESSERE CONFRONTO TRA STEVE VAI è L’ALIENO MICHAEL ANGELO!!! ANGELO è MOLTO MA MOLTO PIù VELOCE DI STEVE VAI!!! NON CI POTRà MAI ESSERE UN CHITARRISTA AL LIVELLO DI MICHAEL ANGELO PERCHè PLETTRA IN UN MODO IMPOSSIBBILE DA IMITARE!!!!!

  101. Si è vero,nella plettrata è superiore,però non trovi che in quanto a dinamicità e a originalità lasci un po a desiderare?Ed è proprio in questo che Vai lo divora..

  102. Sui vari dibattiti sul “presunto” ipertecnicismo di Michael Angelo non posso far altro che ridere sarcasticamente…non è solo la valocità di esecuzione che porta un chiatrrista ad essere definito “tecnico” ma tutto il complesso delle tecniche chitarristiche, ad esempio:ritmica, arpeggi, tapping, capacità improvvisativa, duttilità, armonicità, tocco, bends, vibrato, slap e via dicendo…

  103. Ma io ho letto un pò di commenti su steve vai e dico che senza dubbio è un ottimo chitarrista. Ma non si può paragonare a Machael Angelo semplicemente perchè Vai non a la plettrata di michael angelo è per questo michael angelo è 30 volte più veloce di steve vai.. Detto ciò Michael Angelo non a e non avra mai un chitarrista al suo livello tecnico

  104. insieme ad allan holdsworth rappresenta il massimo in fatto di chitarrismo estremo.genio al di sopra di tutto e tutti.

  105. allora,se dobbiamo ragionare in questo senso (il più veloce,il piu,il piu),il chitarrista più mostruoso della storia della chitarra elettrica è Lane..Angelo è praticabile,ma le diminuite in terzine di lane sono da fantascienza..

  106. andy gioca al fantacalcio…non fate i saggi con le opinioni altrui.grazie.steve vai a tutt’oggi risulta per gli addetti ai lavori(me compreso,30 anni che suono la chitarra)uno dei punti più estremi del chitarrismo mondiale,forse superato soltanto da allan holdsworth.il tocco il fraseggio,la difficoltà nell’eseguire parti impossibili…ditelo a frank zappa, e la velocita di esecuzione nelle scale dico scale più complesse fanno di steve vai un punto di riferimento per milioni di chitarristi.uno stile unico ed inimitabile(come holdsworth)lo rendono non solo impossibile da imitare,ma si isola da tutti proprio per il suo modo di suonare e di esprimersi con la 6 e 7 corde.

  107. Secondo me l’unico che da’ filo da torcere a Steve Vai è Dodi Battaglia…anche se sulle scale è un po’ meno veloce e alla fine ha un po’ di fiatone(soprattutto se le fa con le buste della spesa).

  108. fabio a moltissimo ragione, ma ovunque metti tu un parere si sente parlare solo degli irons. ai ragione sono eccezionali, ma prova a evadere dal metal.

  109. per ytuifev….forse quello che dici tu è un altro Fabio perchè io è la prima volta che cito gli Irons…! Ciao.

  110. Mr.Vai è 1 grande è uno dei migliori.Sn stato al suo concerto a Roma e sono ancora scosso ed il suono della sua kitarra mi gira ancora nelle vene…………………………….E’ 1 grandeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee……………………………………………..

  111. mary mi spiace per te.dai sentenze,quando non hai voce in capitolo,non saprai suonare neanche la chitarra.taci per favore.30 anni che la suono,e mi tocca leggere cazzate in quantità industriale.dopo allan holdsworth,e l’unico che ha toccato i confini più estremi del chitarrismo mondiale.forse potrà non piacere a tutti.ma lasciate in pace un genio della sua caratura.conosce la chitarra dalla a alla z.mi sembra anche abbastanza stufo di suonare velocemente,quando è in grado di farlo meglio di chiunque altro.evidentemente non lo avete mai visto da vicino come ho fatto io.assolutamente inarrivabile.

  112. Stessa cosa per me, ottimo chitarrista, ma non il migliore, troppo scenografico.

  113. Per giacomo:Steve vai è bravo ma se per te è il migliore ti consiglio di essere educato soprattutto con chi non conosci e ha opinioni diverse e soprattutto senza sapere niente di nessuno non provarci più a dire che mary non suona la chitarra perchè io la conosco ed è un mostro anche se non suona rock ma thrash metal…Dopo questo mio breve sfogo direi che anche per me steve è il migliore for the love of god è bellissima,tender surrender ecc..il suo tocco è magico!

  114. grandissimo chitarrista…ma non il chitarrista dei chitarristi come qualcuno sostiene. ricordatevi di jimi hendrix la luce che ha illuminato definitivamente la chitarra elettrica e che la continuerà ad illuminare per sempre. non era nè i più tecnico nè il più veloce, ma il suo feeling era qualcosa di incredibile. che vai (ma anche tutti gli altri chitarristi ad eccezione di pochissimi come bb king, eric clapton e SRV x esempio) se lo sogna. tecnicamente è comunque ultra completo e il suo tocco è decisamente personale, al contrario di quel produttore di assoli- scorreggia che è john petrucci (ricordatevi che questa è un’ opinione personale… non voglio offendere nessuno e rispetto le opinioni altrui!).

  115. il migliore, il più veloce, il più tecnico…..ma che cacchio di commenti sono….hanno l’aria di provenire da tastiere di semplici smanettoni che con la musica hanno poco a che fare.come si fa a paragonare vai con santana, petrucci o altro. è come paragonare una lamborghini ad una panda, sebbene per il traffico cittadino sia più funzionale una panda. non si possono paragonare stili diversi sono tutti funzionali alla musica ed alle emozioni che dalla musica provengono.

  116. VAI è immenso inimitabile è il culmine della kitarra nn ci sarà mai nessuno che si puo avvicinare alla sua bravura e immensa preparazione…Vai va oltre …a tutti a tutti!!! SOLO GLI INVIDIOSI LO POSSONO CRITICARE…cercate di imparare prima di dire stronzate….un conto è gusto…un conto è dire scemenze!a voi jezzisti….che in genere x voi esiste solo il jazz…ma siete in grado di comporre e suonare e avere un tocco così almeno imitandolo??? non credo … 😀 ciao a tuttiiiii

  117. è il miglior chitarrista al mondo,ha dei numeri che nessuno puo neanche pensare di imitare,e se non credete guardate i video su youtube!!!!

  118. ogniuno è libero di fare i propri commenti, ma se non è il vostro campo, è meglio lasciarperdere…da qundo ho scoperto Steve sono rinata, la mia vita era una merda fino ad allora…ogni giorno sento un suo CD e ognii giorno mi fa passare il malumore…Thanks Steve…For the love of Steve…Bellissimo il concerto a Roma BY Viky vai…Napoli

  119. Ascoltate uno che ne capisce abbastanza e che sui chitarristi bravini ha ascoltato e visto tante cose… Allora: se Petrucci è tecnico, Vai lo è di più; se Malmsteen è veloce, Vai lo è di più; in pratica, secondo me, tecnicamente (e ripeto TECNICAMENTE), Vai è un superiore a chiunque (anche se, ovvio, di poco). Il suo grosso problema è che fa più “circo” che musica. Mi spiego: a volte sceglie di eseguire determinati passaggi non tanto musicalmente, ma solo perchè sono difficili. Poi è chiaro che gli riescano quasi alla perfezione: è un mostro! Però secondo me si concentre troppo sul fare musica difficile, piuttosto che sul vero “fare musica”.

  120. Steve non è il più tecnico, non è il più veloce, ma è il più fantasioso e geniale…sentendo suonare molti chitarristi può sempre capitare di dire “questo è un classico”, con Steve no, lui mette un assolo e dici “così solo lui lo poteva mettere”. é molto facile accorgersi di questo ascoltando “Slip Of The Tongue” dei Whitesnake: non c’è una ritmica che non sia arricchita nel suo stile, e non c’è un assolo che sia banale…e se si ascolta bene ci si rende conto che un altro al suo posto non avrebbe mai trovato qualcosa di così diverso: sono anche piccoli dettagli, ma fanno la differenza. Steve Vai non è solo un grande chitarrista, ma un grande innovatore musicale, e inoltre sa interpretare e esprimersi con la scala del “Locrio” (che è quella che rende l’espressione un po’ più dura) come nessun altro. Per essere anche più chiaro, prendiamo un grande chitarrista come Malmsteen: quanti emuli esistono di Malmsteen? un casino. Quanti emuli esistono di Steve Vai, quanti suonano nel suo stile? Nessuno, perchè Steve è unico

  121. un chitarrista vero non deve essere solo virtuoso e veloce,vai e satriani solo bravi,ma sono sempre uguali(giochettano a sono veloci),i veri chitarristi riescono a fare cambiare tema e senzazioni nelle proprie canzoni grazie a riff,assoli,accompagnamenti.invece secondo me satriani,vai,petrucci(e via dicendo)sono dei chitarristi da concerto,nel senso che è piacevole vederli(+ che ascoltarli)mentre fanno i giochetti di velocità con le loro chitarra.

  122. E’ vero caro Aurelio, in “Slip Of The Tongue” dei Whitesnake si nota subito la presenza dell’asso Steve Vai (che ha sostituito il chitarrista Adrian Vandenberg causa incidente), ma…..la cosa che non capisco come mai, proprio a causa della presenza di Steve Vai, l’album è stato snobbato in confronto ai più classici album dei Whitesnake. Eppure Steve aveva dato una nuova linfa… Cmq il disco se lo si ascolta è potente

  123. Giochettano e sono veloci? Giochettano?! belli solo da vedere?!…buh, tu avrai la tua opinione, ma, senza offesa, secondo me sei un po’ prevenuto se l’unica cosa che vedi sono giochetti…ricordati che questi non sono solo dei grandi chitarristi, ma anche musicisti e compositori e quando compongono non lo fanno pensando a quanti numeri dovranno mettere in quella canzone…il fatto è che tu secondo me vedi la tecnica come un fine, mentre in chitarristi come steve non è altro che un mezzo.

  124. ormai è e sara sempre nella classifica dei migliori chitarristi del mondo non so se sia il primo ma ha fatto la storia del progressiv

  125. il più grande e mostruoso chitarrista di questi ultimi tempi,ma esistono anche joe satriani e ingwie malmsteen.ciaoooo

  126. in questo sito scrivono troppi bambini che non conoscono neanche lo strumento.se sei pensa a michael angelo.ahahahahahahahahah.con vai neanche a paragone.

  127. nessuno come lui ha rivoluzionato la chitarra moderna.solo allan holdsworth ha saputo fare di meglio.

  128. Ma raga, è vero che forse suonera nel nuovo album (Greatest Hits) di Eros Ramazzotti?

  129. Rispondendo a Giorgio…purtroppo si!! Ci sono parecchi articoli sul web che parlano di questa cosa…non ho parole!!

  130. Se non sbaglio dovrebbero rifare una nuova versione di “dove c’è musica” di Eros..vabè da in fondo poteva capitargli di peggio..ramazzotti è uno dei pochissimi validi nel campo pop italiano(sebbene a me piaccia veramente pochissimo..),ed ha comunque una carriera di tutto rispetto anche internazionale.Credo che Stevie abbia accettato per provare,così,ad usire dal guscio del “genere di nicchia” quale è,come ben sappiamo su questo sito,il mondo dei chitarristi…purtroppo!!!!!

  131. mamma mia quante cazzate vedo ragazzi. l’unico che l’ha detta giusta è “Giacomo” (magari è giacomo castellano). allan holdsworth è il miglior chitarrista dell’universo (Frank Zappa). i migliori chitarristi sono Allan holdsworth e Jeff Beck (Steve Vai).allan holdsowrth è il migliore (Eddie van halen). voglio dire, cari ragazzi, che suonando la chitarra da professionista posso giurarvi che effettivamente allan holdsworth ha scritto tutto sulla chitarra. Steve Vai è un idolo per me, lo suono e lo ascolto, ha una creatività smisurata, un’ottima tecnica, un tocco magico, (anche se + del rock non puoi chiedergli), ma che la gente mi venga a dire che gli iron maiden sono + creativi di Vai mi fa un po’ ridere ^^. avete mai visto un Fmaj7(#11) in una canzone degli iron? non sapete ne voi ne loro cos’è..

  132. Per Fabio70: che ridere (purtroppo si) 🙂 Cmq condivido con quello che hai detto. Steve è un musicista particolare, eccezionale, grande chitarrista, però se evitava il ventilatore sul viso per far ondeggiare i capelli, il cappotto coi laser e gli occhiali a raggi infrarossi….farebbe + bella figura. Cmq x l’amor di Dio, rimane amato da molti, questo bisogna dirlo. Preferisco la serietà e la semplicità di Satriani. Molto alla mano come tipo..un bonaccione

  133. io sono perfettamente daccordo con matteoMO la penso proprio come te Vai è un vincente in quanto ha stile oltre alla tecnica e creatività con la T maiuscola,, poi tutte le sue espressioni i suoi ateggiamenti lo rendono il numero 2 ( il numero uno per me rimarrà sempre richard williams il mitico chitarrista degli inavvicinabili KANSAS sono i migliori ragazzi se nn li conoscete informatevi contattatemi anke via mail sono felice di farveli conoscere mitico prog anni 70’ con tanto di violini elettrici e tanta tanta tanta ma tanta creatività e poca noia) però un concerto come quello di Vai ” live at astoria” non mi stancherei mai di guardarlo e solo a vederlo ho imparato molte tecniche nuove senza he nessuno me le spiegasse lui è cosi preciso che mi insegna anke inidiretamente

  134. in quanto a buffonaggine bisogna dire che gliela ammolla (per dirla alla romana)…però a differenza di molti altri esibizionisti non mi infastidisce,non ha mai quell’aria di prepotenza alla malmsteen.Per quello che riguarda il suo valore io continuo a ripeterlo da anni:questo è un musicista eccezionale,unico ed indefinibile.

  135. il chitarrista che continua a spostare sempre più in là la tacca che segna il limite del virtuosismo. grande veramente e dal vivo convince e coinvolge ancora di più. musicalità e feeling non indifferenti. se lo dice uno che non è proprio un suo fans poi… immenso…

  136. Grandissimo, uno dei pochi che sa sempre stupirti con tecniche impossibili. Il virtuoso per eccellenza.

  137. allan holdsowrth???? a regà ma vi drogate?? steve vai??? joe satriani???o addirittura Van halen?? ormai lo sanno dai bambini di 2 anni agli anziani di 90 anni!!! MICHAEL ANGELO BATIO (CONFERMATO ANCHE DALLA RIVISTA GUITAR-ONE) è IL CHITARRISTA PIù TECNICO DEL MONDO…E BASTA E BASTA E BASTA!!!!!

  138. Manuel, il tuo caro batio, pur essendo il più tecnico del mondo (senza ombra di dubbio, chiunque vorrebbe avere la sua tecnica), riuscirebbe a dare le stesse emozioni che da steve vai? non credo proprio.. troppa tecnica e poco cuore..

  139. noto con piacere che almeno i commenti su vai sono un tantino piu’ maturi di tutte le frivolezze adolescenziali lette sui vari petrucci, batio.

  140. io sono davvero contento di vedere gente che olre alla tecnica guarda le emozioni.. io preferirei molto avere la tecnica di steve vai ma il suo stile e la sua capacita artistica e creativa piuttosto che la tecnica pallosa e ripetitiva di michael angelo batio o malmsteen che tral’altro si vantano da soli di quanto sn bravi, certo non si puo dire che non siano bravi, ma lasciatevelo dire dagli altri, poi per quanto bravi a me fanno cagare… steve vai for ever sl lui è il chitarrista( fra i mostri)che da emozioni solo con la sua chitarra… poi in alternativa io cito sempre il mitico richard williams degli INIMITABILI KANSAS puro prog anni 70 con un sound paura…cmq io sono un ragazzo di 18 anni di torino che cerca componenti per gruppo prog , hard rock, metal, anke cover ma preferibilmente pezzi nostri da creare perche a mio avviso cosi si cresce…sono un chitarrista influenze: deep purple, kansas, steve vai, dire straits, santana, gary moore, europe, iron maiden, richie sambora.. se siete interessati: [email protected] scrivetemi

  141. STEVE DOPO…DICO, DOPO L’INIMITABILE ALLAN HOLDSWORTH,RAPPRESENTA QUELLO CHE DICO IO:L’UNICA VENTATA FRESCA DI CHITARRISMO UNICO ED INARRIVABILE.

  142. eccomi qui ragazi scrivere commenti su steve vai sta diventando un abitudine e un momento di relax tipo il caffe.. 🙂 volevo solo salutare tutti i fan di steve vai e della musica con la M maiuscola vi invito se non conoscete a conoscere i kansas vi piaceranno ciaui a tutti..

  143. No..riccardo..il Maestro è un Musicista,batio è un metronomo senza batterie.Riguardo a steve..una grande sensibilità e feeling stupendo,è uno dei miei chitarristi preferiti.

  144. si mary in realta sono d’accordo con te però da musicista non posso buttare merda addosso ad un altro musicista non è professionale però se devo essere sincero la penso come te ma non dirlo a nessuno… 🙂

  145. A me Vai non piace affatto,non mi piace il suo esibizionismo eccessivo,non mi piacciono i suoi brani e i suoi suoni(cosa x me molto influente),cioe’ dai mai e poi mai quello e’ il suono ’’vero’’di una chitarra elettrica!troppo sustain(veramente troppa fino fastidiosa),troppo gain,troppi effetti,troppa leva(stra abusata),eccessivo in tutto!questa la mia opinione.

  146. steve vai è un grandissimo chitarrista oltre che musicista, può piacere o no ma resta uno dei migliori

  147. marco, una che si chiama vivienne westwood diceva sempre : nel dubbio esagera.. steve vai fa proprio cosi, sai secondo me non è tanto l’eccesso in tutto la caratteristica di steve vai, ma è il fatto di distinguersi totalmente dagli altri perche nessuno ha quel suono e nessuno fa esibizionismo in modo cosi simpatico e NON autocomplimentadosi di se stesso poi hai notato che chiunque prova a fare una cover di steve vai anke se le note sono le stesse non è mai uguale?? invece cin gli altri chitarristi non è cosi appunto perche Vai è unico nel suo genere. Comunque bravo marco mi piace che non hai iniziato a insultare niente e sei stato comprensibile nelle tue parole , questi sono i commenti che mi piacciono non gli insulti che scrive la gente , privi di dialogo e serietà GRANDE MARCO

  148. AH dimenticavo.. mi piacerebbe tanto aprire un forum come questo anke su un altro chitarrista molto degno completamente autodidatta il suo nome è RICHIE SAMBORA il chitarrista di bon jovi se sapete come fare ditemelo grazie

  149. Ragazzi per le novità, ascoltatevi Dove C’é musica di Eros Ramazzotti con STEVE Vai alla guitar. E’ una roba fatta per il commerciale però dai è orecchiabile, fatta bene. L’intro da molto ala Brian May. Comunque la mano di Steve si sente subito, ascoltare per credere

  150. Steve secondo me è in assoluto il miglior musicista rock ke c sia in circolazione,dico musicista xkè oltre a suonare e comporre i suoi pezzi x kitarra compone anke x altri strumenti’ha una visione completa della musica,nn solo “kitarracentrica”oltre ad una tecnica incredibile sposa feeling e teatralità come nessun altro,trovatemi un kitarrista ke fà tuto questo mentre suona quelle cose difficilissime senza sbagliare una nota…

  151. Ragazzi ci ritroveremo sempre di fronte a persone che criticano Steve Vai,ma vi dico: se amate chitarristi che sparano 3000 note al secondo senza senso… Vai non fa per voi…Steve vai fa un genere particolare, secondo me da intenditori… non a tutti può piacere è ovvio… poichè ha influenze molto ampie e studi molto dettagliati su vari generi, non si limita a tirare fuori il fraseggio commerciale, ma ha un gusto molto raffinato… Ho sentito gente dire :”Anche mio fratello suona qualche canzone di Steve Vai pensa che sega che è” ma quello che penso è che un brano non è difficile nell eseguirlo, ma nel pensarlo…quindi ascoltatevi qualche canzone di Vai e chiedetevi da quale parte della mente possa aver creato certe idee… io credo che li non troverete nulla…perhè secondo me provengono dall’ anima.. Un esempio che faccio sempre è che c’è una bella differenza tra chi “esegue” e chi “suona”… come chi ascolta e chi sente…ecco…Vai è uno che “Suona”.

  152. solo poche parole:STEVE VAI è stato un grande, è un grande, sarà un grande.

  153. Bravissimo, dotato di quella venia di pazzia che lo rende unico. Tecnicamente ottimo, da 20 anni tra i primi 10 migliori chitarristi al mondo.

  154. Oh monsieur Steve Vai…l’ho visto dal vivo e mi ha scioccato,l’ho ascoltato a casa e mi ha sorpreso,ho provato a capire dove la sua musica và a parare e MAI ci sono riuscito…per me ha il valore che hanno i vari: Mozart,Bach,Beethoven,Chopin…!Solo una cosa mi riesce facile, quando cerco di ascoltarlo, e cioè abbandonarmi totalmwente alla sua arte e sperare di comprenderla almeno un po’…

  155. Vai è assoluto…l’unica pecca è che fa un pò il pagliaccetto di tanto in tanto (nel senso buono) ma è un vero genio della musica! Complimenti per il commento a Cristian, anch’io so suonare qualche pezzo di Vai, ma un conto è eseguirlo e un altro è crearlo!…ma poi anche questo è discutibile, perchè ci sono molte persone che riescono a fare dei pezzi di Vai in modo impeccabile dal punto di vista tecnico, ma non so come mai…dal punto di vista espressivo riconoscerei la mano di Steve tra migliaia di chitarristi che eseguono lo stesso e identico brano.

  156. grande chitarrista suona la chitarra in modo veramente espressivo ed istintivo la sua espressività ricorda molto hendrix anche se fa molte piu note di lui l’estensione della propria anima lo ricorda molto.Sicuramente anche un buon compositore contemporaneo dato che ha avuto un ottimo maestro FRANK ZAPPA.chi lo critica deve stare molto attento perche lui suona la chitarra elettrica come deve essere veramente suonata nella musica rock perche e inutile pretendere chissà cosa steve e quello che scoltiamo e basta ha un suo stile o piace o non piace .

  157. ho ascoltato giuseppe blasi sicuramente un buon chitarrista non so dare un giudizio preciso anche se io sono un chitarrista quello che ho visto su you tube e un po pochino per dare un giudizio piu ampio comunque complimenti a giuseppe

  158. ho ascoltato FOR THE LOVE OF GOD e devo dire che (all’inizio) è stupenda invece in seguito la distrugge con il suo modo di fare…in pratica brucia la tastiera e basta…nella parte successiva esce solo una cosa dall’ibanez del chitarrista…il nulla!

  159. il primo pezzo quello che mi fa letteralmente uscire di testa…lo ho imparato…il resto no anche se il pezzo che più mi piace di FOR THE LOVE OF GOD è dall’inizio al 3’ minuto se nn erro…cmq sono rimasto molto soddisfatto da qst chitarrista a cui oltre la tecnica non apprezzo nnt altro…l’unica sua realizzazione fino ad ora che mi piaccia…

  160. é un DIO della chitarra,un mostro innato.Ha una tecnica assurda,velocità da paura,credo proprio che di chitarristi come lui non se ne vedranno mai più,è sicuramente il mio preferito insieme a qualcun altro(John Petrucci,Joe Satriani,Yngwe Malmesteen ecc….).Un genio della chitarra a 6 corde,(se non di più????).Un chitarrista di lusso!!!!!!

  161. rispetto a malmsteen la maestria è tutt’altra, di un gradino inferiore rispetto a satchiani però. tuttavia l’arte è ancora un’altra cosa.

  162. l’arte è un modo proprio di esprimersi.. steve vai si esprime a modo suo, di conseguenza, steve vai è un artista eccome… cmq è vero che sunare FOR THE LOVE OF GOD da una sensazione inspiegabile..e un ultima cosa, il bravo chitarrista non si misura in base a quante migliaia di note fa in un secondo ma a quanto trasmette.. steve vai non sempre usa tutto il suo potenziale. lui preferisce trasmettere ..

  163. si è vero…FOR THE LOVE OF GOD è stupenda…all’inizio…dopo il terzo minuto è una scarica , una raffica di note senza senso e basta…

  164. mah.. non sono molto d’accordo.. per quanto mi riguarda, è proprio in quella parte che esce il vero spirito di Vai.. poi queste sono ovviamente valutazioni soggettive

  165. dopo il terzo minuto migliaia di note perche si vede che in quel momendo doveva essere cosi.. steve è virtuoso è impossibile entrare nella sua testa ma se comincia a sparare come dici tu ” note senza senso ” chissa cosa vorrebbe dire se avesse il testo quel pezzo.. e poi dopo 3 minuti di calma … non facciamo i richard benson della situazione dai.. 🙂

  166. si ma è un peccato xk secondo me rovina il pezzo…preferisco molto di più la prima parte!

  167. puoi anche avere ragione, tuttavia questa sfumatura che stiamo accarezzando è molto, anzi del tutto soggettiva.. anche se lo definirei un bello oggettivo . . .

  168. Rovinare tutto? Ma non scherzare tutte la note a caso che dici tu sono molto più studiate di quanto lo facciano molti altri virtuosi. Un uso dei modi eccezionale nei passaggi veloci e poi lui davvero fa parlare la chitarra. Maestria pura e per nulla semplice.

  169. Diciamo che nn gli piace lo spreco…cioè possiede una simile tecnica e la mette in pratica xk gli dispiace tenerla nascosta…ma di espressivotà nn mi venite a parlare…

  170. cosa slash 96?????? ” non mi venite a parlare di espressività???? e allora di cosa… è espressivita pura.. ma vedi le espressioni facciali che fa mentre suona? come si muove.. gli atteggiamenti.. la postura. gia solo queste cose sono espressivita e tutto in sinergia alla sua musica anzi Musica.. su..

  171. Bhè allora se vuoi le espressioni facciali e le posture GUARDATI UN VERO CHITARRISTA ANGUS YOUNG!!!…che fa 10 volte quando steve vai…questa si che è musica…storia dell’hard rock e del rok in generale…nn questi buffoni che l’unica cosa che sanno fare è bruciarsi i polpastrelli…

  172. mis tai paragonando angus yung? a STEVE VAI?? angus yung me lo puoi paragonare a richard blackmore o steve morse ma no a Steve Vai..

  173. ma già dalla foto si riconosce ke chitarrista sia…tre chitarre una al contrario…ma xfavore!!!

  174. angus young con Steve Vai? Ma è follia! Steve Vai è pura genialità, tecnica ed espressività, young è bravo ma non quanto Steve.

  175. Riccardo se intendi xk il genere è differente allora acconsento…ma se intendi il confronto x bravura nn mi puoi dire ke steve vai sia migliore di Blackmore!…E’DA PAZZI!!!!!

  176. Black ma dove è l’espressività?????…nn si possono solo paragonare xk di generi differenti…come importanza cmq nn c’è paragone…Angus Young vi ricordo ke è il chitarrista degli Ac/dc basta solo il nome della band x capire il resto!…

  177. steve vai è superiore a blackmoore.. prendiamo 100 critici di musica mettiamoli in fila e domandiamoglielo, e vedrai che tutti e 100 mi danno ragione.. puo piacere piu uno o l’altro ma quello è Soggettivo.

  178. ma infatti chi intendeva confrontarli tecnicamente xk so che steve vai è migliore su qst piano (sa fare solo qst)…io li confrontavo come importanza come espressività e come creatività…Steve Vai fa sempre le solite scale a 1000!…

  179. soggettivo.. punti di vista.. a mio avviso non fa scale a mille… anzi a volte fa cose che un esperto in musica definirebbe ” senza senso ” altro che scale a mille .. comunque tu la pensi in un modo e io in un alro.. di certo steve vai non ha da imparare riguardo a creativita ( come dici tu ) da blackmoore…

  180. Sinceramente dire che for the love of god dopo tre minuti è un miscuglio di note a casaccio mi sembra veramente troppo, per me è uno dei pezzi strumentali più belli. Il paragone con Young e Blackmore non esiste, Steve Vai è di un altro pianeta in confronto.

  181. si monica è vero.. è come se fosse uno spirito, un energia legato ad una chitarra che fluttua nell aria emanando suoni persuasivi e coinvolgenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *